Cassazione, elogiare la propria virilità non è reato: assolto un aquilano.

Non commette reato chi elogia la virile tonicità del suo organo sessuale a una collega di lavoro perché questo tipo di esaltazione è solo un «apprezzamento» che l’uomo rivolge «a se stesso» ed è quindi privo di »offesa alla dignità altrui».

fonte: http://goo.gl/M8wikE

19/10/2014

Cassazione, elogiare la propria virilità non è reato: assolto un aquilano.

Non commette reato chi elogia la virile tonicità del suo organo sessuale a una collega di lavoro perché questo tipo di esaltazione è solo un «apprezzamento» che l’uomo rivolge «a se stesso» ed è quindi privo di »offesa alla dignità altrui».

fonte: http://goo.gl/M8wikE

19/10/2014